HomeNazionaleAzzurro Donna dà voce ai territori per celebrare l'8 marzo. Pensiero anche...

Messaggi correlati

Azzurro Donna dà voce ai territori per celebrare l’8 marzo. Pensiero anche alle “sorelle ucraine” – Corriere dell’Umbria

Oggi, martedì 8 marzo, ricorre la giornata della donna e quest’anno Azzurro Donna vuole dare voce ai territori, cuore pulsante della “nostra comunità composta da amiche e colleghe che quotidianamente operano nelle sedi istituzionali ed all’interno della società civile per favorire l’empowerment femminile, il rafforzamento del welfare familiare, la conciliazione famiglia-lavoro, la cura degli affetti, particolarmente dei bambini, anziani e fragili, per sconfiggere la piaga della violenza di genere e azzerare il gap salariale. Oggi, però, persino questi ever green quasi passano in secondo piano rispetto al dramma delle nostre sorelle ucraine che valorosamente resistono e combattono al fianco di padri, mariti, figli e fratelli; madri, mogli, figlie e sorelle, che da giorni fuggono per mettere in salvo il futuro: i bambini”. A dirlo è Catia Polidori, coordinatrice nazionale di Azzurro Donna, aprendo i lavori della “Maratona 8 marzo. 100 donne in 100 minuti. Pensieri in libertà”, cui hanno preso parte le 127 coordinatrici regionali e provinciali del Movimento femminile di Forza Italia che, in una staffetta ideale, hanno lasciato in rete il loro contributo sul significato di questa ricorrenza. 

 

 

“Un ringraziamento per aver raccolto l’invito a partecipare alla staffetta azzurra: al vicepresidente di Fi, Antonio Tajani, alla delegazione femminile di FI al governo composta dalle ministre Mara Carfagna e Mariastella Gelmini e dalla sottosegretaria Deborah Bergamini; alla presidente dei Senatori di FI, Annamaria Bernini ed alle colleghe parlamentari Annagrazia Calabria, Fulvia Caligiuri, Alessandra Gallone, Gabriella Giammanco, Veronica Giannone, Vincenza Labriola, Patrizia Marrocco, Fiammetta Modena, Urania Papatheu, Stefania Prestigiacomo, Cristina Rossello, Elvira Savino, Matilde Siracusano, Maria Spena, Roberta Toffanin, Maria Tripodi e Gelsomina Vono”, ha proseguito.

 

 

Tutti gli interventi hanno avuto un filo sottile comune, quello di porre l’accento sulla straordinaria forza delle donne ucraine in questi giorni terribili e la eccezionale capacità delle europee di costruire una forte rete di solidarietà. “L’8 marzo, nonostante i giorni terribili che stiamo vivendo, è una data che ci ricorda l’importanza di lottare insieme per l’affermazione dei diritti, così come oggi Azzurro Donna ha fatto, unendo le nostre coordinatrici, dalla Sicilia al Trentino. Gli spunti di riflessioni offerti da tutti gli intervenuti costituiranno la base di azione da cui ripartire per offrire soluzioni concrete e continuare a lavorare per la parità delle opportunità e per favorire la partecipazione femminile alla vita sociale e politica”, ha concluso Polidori.

 

 

Da non perdere