HomeNazionaleAssisi, anziano truffato da una donna che gli ruba l'auto nuova –...

Messaggi correlati

Assisi, anziano truffato da una donna che gli ruba l’auto nuova – Corriere dell’Umbria

Fra.Mar.

14 febbraio 2022

Era convinto di aver trovato un’amica, o forse anche qualcosa di più. E non aveva opposto alcuna resistenza, né aveva pensato nulla di male quando quella giovane donna, gli aveva chiesto un aiuto perché lei era senza automobile e non sapeva come muoversi. L’uomo – un 73enne di Assisi – non ci aveva pensato due volte a comprare una macchina nuova e fargliela utilizzare quando lei ne aveva bisogno. Una Fiat 500 X pagata 19.300 euro. Con 300 euro di anticipo che aveva versato in anticipo al concessionario e 19 mila di finanziamento per rate che poi avrebbe corrisposto lui.

 

 

Ma quell’automobile, nella disponibilità del legittimo proprietario, restò ben poco. Dopo qualche mese infatti, la donna scomparve e con lei la 500 X nuova. L’anziano ha provato per mesi a contattarla al telefono ma di Elisa ( così si faceva chiamare) neanche l’ombra. Allora l’uomo si era recato al Pra per fare un controllo tramite targa. E in quel momento scoprì che la sua auto risultava venduta da lui a un uomo di Prato per 13 mila euro. Pochi mesi dopo, in seguito a un altro controllo, scopriva che l’auto era stata venduta anche una seconda volta, a 14 mila euro. L’uomo quindi, tramite il suo avvocato, Valentina Discepoli, ha sporto denuncia. In un primo momento il pm a cui era stato assegnato il fascicolo a Firenze (il reato si è consumato in Toscana) aveva chiesto l’archiviazione.

 

Ma il legale del 73enne assisano ha fatto opposizione e il gip l’ha accolta disponendo che la Procura porti avanti delle indagini in quanto “risulta indiscutibile la qualifica di vittima del querelante”, che appunto si riteneva vittima di truffa prima e di sostituzione di persona ( in occasione della vendita che lui non ha mai effettuato ) poi. Il gip ha dunque disposto che vengano sentite almeno il primo acquirente dell’automobile e lo studio presso cui si è perfezionata la vendita perché fino alla richiesta di archiviazione – negata – le “attività inquirenti si sono rivelate piuttosto scarne”. L’anziano truffato che ha perso auto e 19 mila euro è in attesa quindi di ulteriori sviluppi.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi messaggi